Su questo sito usiamo i cookies. Navigandolo accetti.

lilt 

citta della speranza 

fimon 

gite 

ITALIA SELVAGGIA

L’Italia selvaggia. Guida alla scoperta di luoghi incontaminati per tutti i piedi.
Per l’editore Altreconomia è uscito “L’Italia selvaggia. Guida alla scoperta di luoghi incontaminati per tutti i piedi”. È un piccolo libro ma denso di proposte. 

Esistono ancora in questa Italia cementificata luoghi selvaggi, dove la natura signoreggia e la presenza umana è rarefatta? Sono pochi, ed Elisa vi propone di conoscerli camminandoci dentro.

Leggi tutto: italia selvaggia

ANDARE AVANTI

In cammino per ridare un senso alla vita.

Christian Cappello è un celebre blogger di viaggi. È il fondatore di blogdiviaggi.com. Questo libro è il diario di una avventura vera, partita da Bassano il 2 aprile 2016 e continuata per oltre quattromila chilometri di eccezionale solidarietà.

Leggi tutto: andare avanti

CACCIA AL CRISTO

La storia è geniale: in un paesino di un luogo senza nome ma chiaramente la Majella in Abruzzo, è nata una strana tradizione. Per Pasqua, alla classica rappresentazione vivente della Processione del Venerdì Santo come ce ne sono tante da quelle parti, si è scelto un pastore per impersonare il Cristo, ma lui non vuole. Allora gli si dà la caccia inseguendolo per la montagna, fino a che lo si cattura e lo si costringe a vivere la passione di Cristo. Questo pastore selvatico ogni anno vive sulle sue spalle la via crucis, le frustate, lo scherno della gente, rivive la tragedia del Cristo. Poi lo lasciano libero, e l’anno dopo la caccia ricomincia, anche perché ormai è diventato un affare commerciale, attira più turisti la caccia al pastore che la processione. Caccia sempre più organizzata, sempre più diabolica, sempre più incapace lui stesso di rompere questo incubo, spezzando questo maleficio.

Leggi tutto: caccia_cristo

TRE UOMINI A PIEDI

Paolo Ciampi è fiorentino e vive a fondo la sua città, fin da ragazzo ha una compagnia di amici che frequenta al bar dove si ritrova per una birra, tante chiacchiere e tanti progetti. Spesso abortiti, fatti solo per parlare, come spesso succede in questi luoghi, soprattutto se a Firenze. Ma quella volta Ciampi faceva sul serio. Lui e i suoi amici compivano 50 anni e dovevano celebrare in qualche modo il passaggio. E successe anche una disgrazia a due suoi conoscenti lontani, che dette la spinta finale a passare dal cazzeggio al cammino.

Leggi tutto: tre uomini

LA VIA DI SCHENER


la via di schenerHo chiesto ad amici di Feltre e Belluno se conoscevano la Via di Schenèr, pare sia ormai dimenticata. Era una via di collegamento medievale importante (le prime tracce risalgono al 1200), importante sebbene passasse in una stretta gola sul torrente Cismon, era una via perigliosa e orrida, spesso franava, i ponti richiedevano continua manutenzione, era lunga e faticosa. Ma collegava due mondi vicini e lontani, Feltre che era veneziana e Fiera di Primiero che era austriaca, c’erano i tedeschi di là.

Leggi tutto: schener

La mia Francigena


Di resoconti e diari di viaggio sulla via Francigena ne sono stati pubblicati tanti, ormai è un genere, secondo solo al Cammino di Santiago.

Ma il libro di Andrea Vismara ha qualcosa in più, perché l’autore è un eclettico scrittore, dotato di molta ironia, e il suo approccio al cammino è di spirito libero, tra l’altro è non credente. Ecco che nel suo racconto c’è dissacrazione, e c’è umorismo. Ma soprattutto in Vismara (che nella vita tra le altre cose ha fatto pure il musicista e il fotografo professionista) c’è uno sguardo attento, che sa cogliere i dettagli, e sa osservare.

Ecco che questo diario, corredato da belle foto in bianco e nero, si potrebbe anche portare in cammino, e leggerlo giorno per giorno per farsi suggerire piccole riflessioni visive.

 
Andrea Vismara – “La mia Francigena”, Edizioni dei Cammini 2016 – 16 euro

Camminare guarisce


Edizioni dei Cammini continua a pubblicare senza sosta libri dedicati ai camminanti e ai viandanti, una nuova collana è GoWalk, collana dedicata ai racconti di cammini e alla esperienze personali.

Camminare guarisce, scritto da Fabrizio Pepini con la collaborazione di Massimiliano Cremona. È un libro importante. Perché è una storia commovente e forte. La storia di Fabrizio è la dimostrazione di quello che andiamo dicendo da anni, cioè che il camminare è terapia. Fabrizio è malato di linfoma mantellare non Hodgkin, una malattia che porta alla morte in pochi anni.
Dopo tante chemioterapie, Fabrizio sente parlare del Cammino di Santiago e parte, con lo scopo di ricevere il sacramento del malato a fine cammino. Ma inaspettatamente (per lui) si accorge che via via sta meglio. I medici sono sorpresi. Lui continua a camminare, e da quasi cinque anni non ha mai smesso. La malattia si è fermata, non ha avuto recidive. Psicologicamente è rinato.
E Fabrizio Pepini commuove con il racconto di tutto questo, commuove quando dice che ringrazia la malattia per avergli aperto un mondo nuovo, fatto di amicizie profonde trovate in cammino. Come quella con Massimiliano Cremona, che ha curato il testo e lo ha reso un libro. Le parole di Fabrizio Pepini sono piene di saggezza, si capisce bene che Tiziano Terzani per lui è stato maestro. Da leggere, un messaggio valido sia per le persone malate che per quelle sane.

 

Fabrizio Pepini, Massimiliano Cremona – “Camminare guarisce”, Edizioni dei Cammini 2016 – 14,50 euro

LA VIA DEGLI DEI

È uscita una nuova guida a uno dei cammini più amati in Italia, la Via degli Dei da Bologna a Firenze. È un cammino di successo, perché in tanti amano partire da Piazza Maggiore a Bologna e arrivare dopo una settimana in Piazza della Signoria a Firenze, seguendo questo percorso che valica l’Appennino.
Frequentata e ben conosciuta dagli Etruschi che vivevano in queste terre, la Via degli Dei divenne principale via romana di collegamento tra Bononia e Arezzo a partire dal 187 a.C., con il nome di Flaminia Militare, le cui vestigia accompagnano il viandante per lunghi tratti del percorso.

Leggi tutto: laviadeglidei

LO SPIRITO DEI PIEDI

Andrea Bellavite
LO SPIRITO DEI PIEDI
Piccoli viandanti alla ricerca della verità


Perché si cammina? Con quali ragioni si parte e si affronta l’ignoto del viaggio a piedi? Quanti tipi di camminatori ci sono? Ci sono diverse tipologie di camminatori. I pellegrini assoluti, coloro che fanno del camminare la loro stessa forma di esistenza, che richiamano i valori dell’essenzialità e della solidarietà. I moderni viandanti che, sui percorsi classici del Medioevo identificano una nuova modalità di turismo.
Gli alpinisti, che cercano il rischio e sfidano la montagna, ma che in realtà cercano di conoscere il proprio limite e di rendere più significativa e felice la vita. C’è inoltre chi cammina per sopravvivere, in particolare le decine di migliaia di poveri che fuggono dalla fame, dalla guerra e dalla povertà. Ognuno trova nel cammino la sua Verità.

WILDERNESS IN ITALIA  A piedi nei luoghi del silenzio

Valentina Scaglia è giornalista, ma prima di tutto è appassionata di camminare. E ama i luoghi del silenzio, ha dedicato tanto tempo a camminare tra valli abbandonate dall’uomo, paesi fantasma, conoscendo nuovi eremiti, ma soprattutto attraversando a piedi quelle aree wilderness che ancora resistono in Italia. Sono piccole macchie verdi, ma sono tante, dalla Val Grande all’Aspromonte, dalle Dolomiti Bellunesi alle Foreste casentinesi, dall’Orsomarso al Supramonte. Wilderness, parola intraducibile in italiano (potrebbe essere “selvaggità”) significa natura selvaggia, dove la presenza dell’uomo è rara e saltuaria. Ovviamente le grandi wilderness sono quelle di paesi come l’Alaska, in Italia sono pochi chilometri quadrati. Ma sono sufficienti per vivere piccole avventure di immersione nel lato selvatico. Nel libro appena pubblicato Valentina Scaglia dedica anche un capitolo a come diventare selvatici, quindi a quale attrezzatura portare nelle proprie esplorazioni, cercando di alleggerire il più possibile lo zaino, ed essere ultraleggeri.

Leggi tutto: Wilderness

CAMMINARE IN MONTAGNA

uscito il libro di ALDO LEVITI


Con immenso piacere vi segnalo l’uscita del libro dell’amico ALDO LEVITI dal titolo “CAMMINARE IN MONTAGNA” - edito da Valentina Trentini Editore di Trento.
Aldo Leviti, nato nel 1950 a Frauenfeld (Svizzera) è Istruttore Nazionale delle Guide Alpine e maestro di sci., istruttore di nordic walking della Scuola Italiana e formatore, per quanto riguarda il Winter Nordic Walking. Sposato con la nostra Master Trainer Claudia Boschetto, è padre di due figli.
La sua vita è stata la montagna, dove con passione, ha conquistato diverse cime tracciando vie alpinistiche con difficoltà estreme, in prima assoluta, e ripetendo le più famose scalate dolomitiche.

Leggi tutto: camminare in montagna

OGNI ALBERO E' UN POETA

Tiziano Fratus – “Ogni albero è un poeta”, Mondadori 2015 – 17 euro

Tiziano Fratus con questo libro si pone nella scia di autori anglofoni naturalisti di oggi e di ieri (Wordsworth, Thoreau, Lopez, Deakin, Sebald, Macfarlane e tanti altri). Diario poetico di osservazioni e riflessioni naturalistiche, raccolte durante le sue passeggiate. Molto spesso il terreno di osservazione in cammino sono i boschi dietro casa, nelle Terre Alte delle Alpi piemontesi. Altre volte Fratus posiziona la tenda nella natura e comincia a esplorare. In cammino la sua mente vaga, e le osservazioni portano a parlare di ere geologiche antiche, di animali estinti, o di ricordi di bambino alle prese con insetti o con giochi nei ruscelli.

Il camminare è lo strumento, per osservare, pensare, poetare:
“La straordinaria bellezza del camminare in una selva ti porta a curiosare in ogni forma di sapere umano. L’art’. La silvicoltura. La geologia. La botanica. La zoologia. L’ornitologia. La storia dell’umanità. Allunghi l’occhio e un dito: segni un punto preciso e si apre una parentesi che contiene una storia.”

Leggi tutto: ogni albero

LA BORRACCIA DELLE PAROLE

 

E' in libreria il bellissimo libro di Massimo Montanari La Borraccia delle Parole, per Edizioni dei Cammini.

È il libro ideale da regalare a Natale a bambini che volete coinvolgere nelle vostre camminate, ma è così bello che anche gli adulti lo apprezzeranno.

I disegni di Francesco De Benedittis, innanzitutto: sono un perfetto corredo alle filastrocche di Montanari, e seguono i bambini nelle loro avventure, accompagnati dalla presenza discreta di tanti animaletti del bosco (volpe, insetti, marmotta, gufi, bruchi, cinghialetti…).

Camminare al buio, dormire in tenda, camminare sotto la pioggia, il cammino è pieno di sorprese e di magia, grazie alle parole di Montanari.

Massimo Montanari, Francesco de Benedittis – “La Borraccia delle Parole”, Edizioni dei Cammini 2015 – 17,50 euro

Leggi tutto: borraccia_parole

SEI VIE PER SANTIAGO

Il Cammino verso la Galizia di San Giacomo diventa un documentario

Molti lo intraprendono per fede, altri come percorso spirituale, mai soltanto come un’inconsueta scelta turistica. È il Cammino di Santiago che la regista Lydia B. Smith porta sul grande schermo seguendo sei marcianti provenienti da diversi paesi, uomini e donne eterogenei per età, intenzioni e storia personale. Un confronto uomo-natura-spiritualità che dopo una lunghissima gestazione produttiva arriva anche in Italia.

“È come se qualcuno mi avesse incaricato di girare questo film. Non è stata solo un’impresa dal punto di vista produttivo, ma il Cammino è talmente magico e sacro che ho avuto paura a non potergli rendere giustizia. Quando la gente affronta a piedi il Cammino, si stacca dalle proprie convinzioni per abbandonarsi ad una visione unica al mondo. Non c’è lezione migliore e per questo il Cammino deve essere intrapreso”. Ha affermato Lydia B. Smith. “Il Cammino è una metafora della vita – non esiste un modo giusto o sbagliato per farlo, tutto dipende dal modo in cui lo si affronta. Il viaggio è individuale – ognuno di noi deve trovare la sua strada. È tutta una questione di scoprire se stessi”. 

-> Leggi tutto l'articolo

LA VOCAZIONE DI PERDERSI

Franco Michieli – “La vocazione di perdersi”, Ediciclo 2015 – 8,50 euro

Da 20 anni Michieli ha elaborato una filosofia dell’andare in montagna, basata sul valore di non usare strumenti come mappe, bussole, gps, orologi, per ritrovare quello spirito interiore atavico di orientamento, fatto di intuizioni e di capacità di lettura del paesaggio, del sole, degli astri, ecc. Se ci appoggiamo sempre a mappe e strumenti elettronici, non guardiamo con attenzione la realtà, questo Michieli lo imparò da giovane, quando a venti anni con un amico attraversò la Sardegna a piedi da costa a costa, seguendo una descrizione imprecisa tratta da una nota rivista. Dopo essersi persi varie volte, furono costretti a osservare il paesaggio fatto di valli parallele, dorsali, e trovando una geometria in un andamento apparentemente casuale. Da quel momento Michieli ha affinato la tecnica, ha attraversato le grandi tundre nordiche, e anche la Lapponia, con questo stile.

 

Leggi tutto: vocazione perdersi

NORDIC WALKING, TECNICHE PER CAMMINARE BENE

 

Titolo: Nordic Walking – Benessere ed emozioni della camminata con i bastoncini

Autore: Pino Dellasega
Casa editrice: Ulrico Hoepli Milano
Pp 190 Prezzo: 22,90 euro

 

E’ naturale come respirare e fa bene a tutti, ma per essere efficace e ottenere i massimi benefici è necessario studiarne la tecnica ed eseguire correttamente i movimenti. La guida “Nordic Walking”, scritta da Pino Dellasega e pubblicata dell’editore Ulrico Hoepli, spiega tutto quello che c’è da sapere sulla camminata nordica, una camminata naturale alla quale viene aggiunto l’utilizzo di due bastoncini che hanno una funzione di spinta, al fine di coinvolgere il maggior numero di muscoli possibile.

Leggi tutto: nw tecniche per camminare

L'ARTE DEL CAMMINARE

“L’arte del camminare. Consigli per partire con il piede giusto”
autore Luca Gianotti
prefazione di Wu Ming 2
Ediciclo Editore

In fondo, se ci pensate, non serve nessuna arte per camminare. L’abbiamo imparata da piccoli e non l’abbiamo più scordata. Basta alzarsi, uscire di casa, e mettersi in marcia. Ma per farlo in modo cosciente, occorre qualche premessa, qualche attenzione. L’arte del camminare è rivolto sia a chi non ha mai camminato per più di una giornata, sia a chi già trascorre il suo tempo libero camminando e vuole aggiungere qualcosa al proprio bagaglio di conoscenze.
Come preparare uno zaino? Usare o non usare i bastoncini? È possibile dormire serenamente sotto le stelle? Che cos’è la meditazione camminata?
Sono solo alcune delle domande cui l’autore risponde in modo chiaro ed esauriente.
Questo libro è rivolto a chi vuole partire per un lungo cammino, per esempio andare a Santiago, ma anche a chi vuole fare semplici passeggiate con una maggiore consapevolezza.

 

CANTALAMAPPA

Un fantastico libro per i vostri figli.... o nipotini

Cantami o diva delle tue mappe le coordinate…

Wu Ming (illustrazioni di Paolo Domeniconi) – “Cantalamappa”, ElectaKids 2015 – 14,90 euro

I Wu Ming hanno scritto un libro per bambini!  Cantalamappa parla di mappe e viaggi, e parla di una coppia bizzarra, i Cantalamappa appunto, due hippies con i lunghi capelli ormai grigi, che conservano un librone con tutte le storie dei viaggi di una vita.

Il narratore apre il librone qui e là e si fa raccontare le storie, storie di avventura e di luoghi bizzarri tra il reale e il leggendario.

Leggi tutto: cantalamappa

Tecnobarocco: L’inganno tecnologico del terzo millennio

 

Dott. MARIO TOZZI CNR Roma

La tecnologia ci aiuta a vivere meglio? Come smascherare le inefficienze e fare a meno del superfluo, per ritrovare il senso più autentico del progresso tecno-scientifico. Nel libro proposto si vuole dimostrare come la tecnologia del terzo millennio non aiuta, come dovrebbe, gli uomini a migliorare la propria esistenza né a ridurre gli impatti sul pianeta. Non è semplice, né utile e nemmeno educativa. La tecnologia moderna, totalmente slegata dalla radice scientifica, è – invece – fine a se stessa, «barocca», dannosa e insostenibile da un punto di vista ambientale. Viene in genere messa in campo per rimediare ai danni perpetrati da una tecnologia precedente, incrementa i profitti basati sui bisogni indotti, accelera l’obsolescenza di oggetti e macchine, è costosa e fa perdere tempo. Attraverso esempi e veri e propri «confronti all’americana», Mario Tozzi dimostra l’inutilità di alcuni bizzarri marchingegni che riteniamo ormai indispensabili – e di cui potremmo fare tranquillamente a meno. D’altro canto, si vuole sottolineare l’utilità di quella tecnologia semplice che ha rappresentato un vero miglioramento nelle condizioni della vita degli uomini senza compromettere l’ecosistema Terra. Il salvataggio della Costa Concordia, la superiorità del bottone rispetto alla cerniera zip, l’ignoranza generata da internet sono solo alcuni degli esempi di una società che si impoverisce illudendosi di migliorare.

LE ANTICHE VIE

Gli uomini sono animali, e come tutti gli animali anche noi quando ci spostiamo lasciamo impronte: segni di passaggio impressi nella neve, nella sabbia, nel fango, nell'erba, nella rugiada, nella terra, nel muschio. È facile tuttavia dimenticare questa nostra predisposizione naturale, dal momento che oggi i nostri viaggi si svolgono per lo più sull'asfalto e sul cemento, sostanze su cui è difficile imprimere una traccia.

Molte regioni hanno ancora le loro antiche vie, che collegano luogo a luogo, che salgono ai valichi o aggirano i monti, che portano alla chiesa o alla cappella, al fiume o al mare". Robert Macfarlane è l'ultimo, celebrato poeta della natura, erede di una tradizione che da Chaucer fino a Chatwin e Sebald è capace di trasformare una strada in una storia, un sentiero su un altopiano in un viaggio nella memoria.

Leggi tutto: le antiche vie

DOVE COMINCIA L'ABRUZZO

 

Paolo Merlini e Maurizio Silvestri, Con le foto di Mario Dondero

Per una settimana i due terranauti Paolo Merlini e Maurizio Silvestri hanno viaggiato con i mezzi pubblici sulle strade d’Abruzzo, terra promessa di tutti i vagabondi del Dharma, e si sono resi conto che l’Abruzzo è l’esotico più vicino a casa nostra.

Prefazione di Renzo Paris